network professionale retestudi

CORRISPETTIVI TELEMATICI ... CON LOTTERIA

in categoria Guide
16. 11. 30
posted by: Andrea Dal Ponte
Visite: 1343

I vantaggi con l’opzione entro il 31.03.2017.

Dal primo gennaio 2017 i contribuenti che utilizzano i registratori di cassa (es. commercianti) potranno beneficiare di una serie di importanti vantaggi se sceglieranno volontariamente (opzione) di inviare i propri corrispettivi giornalieri all’Agenzia delle Entrate in via telematica.

(nota: per le imprese che effettuano cessioni di beni tramite distributori automatici l’invio telematico dei corrispettivi sarà obbligatorio !)

Tutti registratori di cassa (quindi anche per chi non farà l’opzione) dovranno comunque progressivamente essere sostituiti o adeguati alle nuove caratteristiche tecniche (componenti hardware e software) e quindi essere in grado di:

  • registrare e conservare i dati all’interno di memorie permanenti e inalterabili;
  • elaborare file XML contenenti i dati dei corrispettivi, sigillarli elettronicamente e trasmetterli all’Agenzia delle Entrate;
  • visualizzare e stampare documenti commerciali, nonché i dati di dettaglio e di riepilogo delle operazioni effettuate;
  • emettere fatture e trasmetterne i dati all’Agenzia.

L'opzione per la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi ha effetto per cinque anni, e se non revocata, si rinnova automaticamente di quinquennio in quinquennio.

Chi opterà per la trasmissione telematica dei corrispettivi ha diritto ad un credito d’imposta di 50 euro.

 

I “REGISTRATORI TELEMATICI”

I nuovi apparecchi (o gli esistenti modificati) dovranno essere:

a) sottoposti a una procedura di attivazione che richiede l’intervento dei tecnici abilitati

b) identificati mediante un certificato dispositivo (operazione di “censimento”)

c) associati alla partita IVA dell’esercente (“attivazione” del dispositivo)

Al termine delle operazioni di cui sopra il registratore si intenderà “attivato” e l’Agenzia delle Entrate rilascerà all’esercente un QRCODE da apporre come etichetta, in luogo visibile, sull’apparecchio.

Inquadrando il codice QRCODE con uno dispositivo es. smartphone, sarà possibile accedere alla pagina web contenente i dati del registratore di cassa e dell’esercente.

L’invio dei dati all’Agenzia delle Entrate dovrà essere effettuato all’atto della chiusura giornaliera dell’esercizio commerciale, in una fascia oraria compresa fra le ore 00:00 e le ore 22:00 e almeno ogni cinque giorni.

Il registratore invierà i dati tramite un file in formato XML che conterrà:

a) i dati identificativi della rilevazione (numero progressivo della trasmissione, tipo di registratore, data e ora della rilevazione, ecc.)

b) i dati delle operazioni effettuate (ammontare imponibile o importo non imponibile, aliquota IVA, imposta, natura dell’operazione, ecc.)

c) i dati degli eventuali interventi tecnici.

Il Sistema dell’Agenzia delle Entrate attesterà l’esito dell’invio e, in caso di esito negativo, sarà possibile procedere alla regolarizzazione effettuando un nuovo invio entro i cinque giorni lavorativi successivi allo scarto.

 

BENEFICI

L’invio telematico dei dati relativi ai corrispettivi consente di ottenere i seguenti benefici:

  • esonero dall'obbligo emettere gli scontrini fiscali (fatte salve altre esigenze del venditore quali la gestione della garanzia sul prodotto)
  • esonero dall'obbligo di compilare il registro dei corrispettivi
  • delegare il proprio consulente ad accedere nella propria area riservata del sito internet dell’Agenzia delle Entrate per prelevare direttamente i dati ai fini della contabilità

 

TRASMISSIONE DATI RELATIVI ALLE FATTURE EMESSE E RICEVUTE

Se, oltre ai corrispettivi, il contribuente sceglie di trasmettere tramite il proprio consulente all’Agenzia delle Entrate anche i dati relativi alle proprie fatture emesse e ricevute può beneficiare dei seguenti ulteriori vantaggi:

  • esonero dall'obbligo di presentare la comunicazione trimestrale cd. “spesometro”;
  • esonero dall’obbligo di presentare la comunicazione annuale telematica delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi con importo complessivo annuale maggiore di 10.000 euro effettuate o ricevute nei confronti di operatori economici con sede, residenza o domicilio nei Paesi cd. Black list;
  • esonero dall’obbligo di presentare la comunicazione dei dati relativi ai contratti stipulati dalle società di leasing, e dagli operatori commerciali che svolgono attività di locazione e di noleggio;
  • esonero dall'obbligo di presentare le comunicazioni delle operazioni IVA intercorse con la Repubblica di San Marino;
  • limitatamente agli acquisti intracomunitari di beni e alle prestazioni di servizi ricevute da soggetti stabiliti in un altro Stato membro dell'Unione europea, viene meno l’obbligo di comunicazione all’Agenzia delle dogane gli elenchi riepilogativi delle cessioni e degli acquisti intracomunitari (Intrastat);
  • i rimborsi IVA sono eseguiti in via prioritaria, entro tre mesi dalla presentazione della dichiarazione annuale, anche in assenza dei seguenti requisiti:

- esercizio esclusivo o prevalente di un’attività che comporti l’effettuazione di operazioni soggette ad imposta con aliquote inferiori a quella dell’imposta relativa agli acquisti e alle importazioni;

- effettuazioni di operazioni non imponibili per un ammontare maggiore del 25% dell’ammontare complessivo di tutte le operazioni effettuate;

- limitatamente all’imposta relativa all’acquisto o all’importazione di beni ammortizzabili, nonché di beni e servizi per studi e ricerche;

- effettuazione prevalente di operazioni non soggette ad IVA

  • il termine di decadenza degli accertamenti relativi alle imposte sui redditi e all’IVA sono ridotti di DUE ANNI, se tutte le operazioni di incasso e pagamento di importo superiore a 30 euro vengono effettuate con modalità "tracciabili" (ovvero effettuate senza utilizzo di denaro contante).

 

NUOVA LOTTERIA NAZIONALE CON ESTRAZIONE SULLA BASE DEGLI SCONTRINI DI ACQUISTO

Dal 01/03/2017 i consumatori privati che al momento dell'acquisto daranno il proprio codice fiscale al commerciante che ha optato per la trasmissione telematica dei corrispettivi parteciparanno alla nuova lotteria nazionale. 

Se il pagamento avviene con bancomat o carta di credito le probabilità di vincità sale del 20%.

Si tratta di un nuovo incentivo attuato per favorire il monitoraggio degli acquisti da un lato e l'adozione dei corrispettivi telematici dall'altro. In pratica si cerca di ridurre l'evasione con un meccanismo premiante già adottato in altri paesi quali Portogallo, Argentina, Brasile, ecc.